"The Island" il viaggio immaginario di Godblesscomputers

Interviste redazione musicale

recording logo

Il musicista e beatmaker italiano ci presenta "The Island", uscito il 4 dicembre per la Tempesta International. Dietro il nome d'arte Godblesscomputers, che gira da qualche anno sulla bocca di tanti appassionati di musica elettronica, trip hop e dub, si nasconde Lorenzo Nada, giovane musicista italiano, nato inizialmente come beat maker, producer e dj, mosso da una precoce passione per i campionatori e per i vinili. La sua musica, ispirata da ritmiche e stilemi della musica black, avanza in territori elettronici mantenendo però fedele il groove e il calore originario del suo suono. Nel 2020 entra nel circuito della londinese Awal, sancendo il suo ingresso discografico nella scena elettronica internazionale. A PO4, intervistato da Barbara Urizzi ci racconta la genesi di "The Island", un viaggio immaginario verso una terra lontana.

"The Island" il viaggio immaginario di Godblesscomputers

Interviste redazione musicale

Il musicista e beatmaker italiano ci presenta "The Island", uscito il 4 dicembre per la Tempesta International. Dietro il nome d'arte Godblesscomputers, che gira da qualche anno sulla bocca di tanti appassionati di musica elettronica, trip hop e dub, si nasconde Lorenzo Nada, giovane musicista italiano, nato inizialmente come beat maker, producer e dj, mosso da una precoce passione per i campionatori e per i vinili. La sua musica, ispirata da ritmiche e stilemi della musica black, avanza in territori elettronici mantenendo però fedele il groove e il calore originario del suo suono. Nel 2020 entra nel circuito della londinese Awal, sancendo il suo ingresso discografico nella scena elettronica internazionale. A PO4, intervistato da Barbara Urizzi ci racconta la genesi di "The Island", un viaggio immaginario verso una terra lontana.