Viaggiando tra remote melodie

I documentari di TV Capodistria

recording logo

In occasione dell' VIII edizione del Festival dell'Istrioto, nato per tutelare e conservare la parlata dell'Istria Meridionale di origine romanza, le Comunità degli Italiani attraverso le loro filodrammatiche hanno realizzato un lungometraggio che porta alla scoperta di antiche melodie e suoni. Un viaggio che è anche quello di un ragazzo che va alla scoperta delle sue origine per le bellezze dell'Istria. Il lungometraggio “Viaggiando tra remote melodie” è stato realizzato con il contributo del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale della Repubblica Italiana in applicazione della Convenzione stipulata tra MAECI - UPT – UI e con i fondi stanziati dall'Ufficio per i diritti dell'uomo e delle minoranze nazionali del Governo della Repubblica di Croazia, dal Consiglio per le minoranze nazionali della Repubblica di Croazia e della Regione Istriana. La regia è firmata da Lorenzo Fattor, produttore Paolo Demarin e narratore Alessio Giuricin.

Viaggiando tra remote melodie

I documentari di TV Capodistria

In occasione dell' VIII edizione del Festival dell'Istrioto, nato per tutelare e conservare la parlata dell'Istria Meridionale di origine romanza, le Comunità degli Italiani attraverso le loro filodrammatiche hanno realizzato un lungometraggio che porta alla scoperta di antiche melodie e suoni. Un viaggio che è anche quello di un ragazzo che va alla scoperta delle sue origine per le bellezze dell'Istria. Il lungometraggio “Viaggiando tra remote melodie” è stato realizzato con il contributo del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale della Repubblica Italiana in applicazione della Convenzione stipulata tra MAECI - UPT – UI e con i fondi stanziati dall'Ufficio per i diritti dell'uomo e delle minoranze nazionali del Governo della Repubblica di Croazia, dal Consiglio per le minoranze nazionali della Repubblica di Croazia e della Regione Istriana. La regia è firmata da Lorenzo Fattor, produttore Paolo Demarin e narratore Alessio Giuricin.